C.Bosco|Cereali Bio


Miglio


Dedichiamo la massima cura alla trasformazione dei nostri prodotti biologici essiccandoli al calore naturale del sole oppure a bassa temperatura con bruciatore a GPL, che non lascia residui ed ha un basso impatto ambientale. Utilizziamo procedimenti meccanici, più lenti e meno aggressivi, che mantengono le proprietà organolettiche dei chicchi. Tutto questo per salvaguardare le risorse naturali, oltre che per garantire un prodotto sano e di massima qualità.

Attualmente i prodotti sono acquistabili presso la nostra rivendita aziendale e ordinandoli dal sito
Spediamo in tutta Italia con corriere espresso.

Riso carnaroli
Il Carnaroli è un riso Superfino tra i più conosciuti e rinomati per il suo granello grande, affusolato e resistente alla cottura che lo rende perfetto per i risotti. L'alto contenuto di amilosio rende i chicchi consistenti e cremosi, garantendo al contempo un'ottima tenuta della cottura e un'alta capacità di assorbimento. Il nostro è Carnaroli originale, una pianta delicata, predisposta all'allettamento e soggetta a periodi critici durante la crescita e la maturazione. Un tempo era una coltura diffusissima, oggi è stata sostituita da altre più resistenti e produttive, come Carnise e Karnak, che possono essere vendute col nome commerciale Carnaroli, pur non avendone le medesime caratteristiche.
Sui nostri pacchetti potete trovare il marchio depositato "Carnaroli da Carnaroli pavese", il quale garantisce che in essi si trovi soltanto riso Carnaroli da semente Carnaroli, coltivato nelle risaie della provincia di Pavia. Dal 2017 aderiamo al progetto di Coldiretti e Camera di Commercio di Pavia "La Via del Carnaroli", una filiera certificata che tutela i produttori e i consumatori.


Riso rosa marchetti
Il Rosa Marchetti è una varietà antica di riso semifino, simile al Vialone Nano, particolarmente pregiata e ricercata. È una pianta autoctona italiana scoperta negli anni Sessanta da Domenico Marchetti, agricoltore che individuò casualmente in uno dei suoi campi una varietà di riso nuova. In campo si distingue perchè ha uno stelo lungo e un apparato radicale profondo che, traendo nutrimento negli strati più ricchi del terreno, garantisce una migliore salubrità alla pianta e una maggior qualità nutritiva al prodotto. In cottura si caratterizza per i suoi profumi terrosi ed una consistenza più croccante al centro e morbida intorno. è ottimo per la preparazione di risotti, minestre e timballi, dolci o salati.


Miglio
Il miglio è un cereale conosciuto fin dalla Preistoria; anticamente veniva consumato quasi quotidianamente insieme ad altri tipi di cereali, legumi e verdure. è ricco di sali minerali tra cui ferro, magnesio, silicio, potassio e calcio. Contiene aminoacidi facilmente assimilabili e vitamine del gruppo A, B, E.
È privo di glutine, quindi è adatto anche ai celiaci. Non ha bisogno di ammollo e andrebbe cotto preferibilmente in una casseruola con il doppio di acqua rispetto alla quantità di cereale. In questo modo conserva al meglio tutte le sue proprietà . Grazie alle presenza dell'amido si presta molto bene a realizzare sformati, crocchette o polpette insieme a verdure e spezie.

Grano saraceno
Il grano saraceno in verità non è un cereale, ma appartiene alla famiglia delle polygonaceae, la stessa del rabarbaro, non contiene glutine ed è quindi uno dei cibi adatti ai celiaci. I semi di questo grano sono altamente proteici, perchè possiede gli otto aminoacidi essenziali, ed è consigliato nelle diete vegetariane e vegane. Il grano saraceno si può consumare in forma di farina oppure intero in insalate fredde o minestre con verdure. Prima di cuocerlo occorre lavarlo sotto l'acqua corrente poi metterlo in pentola rispettando la proporzione di una parte di semi e due di acqua.


Fagioli dall'occhio
È l'unico fagiolo conosciuto già dagli antichi Greci e Romani e diffusamente coltivato nel nostro Paese durante il Medioevo. Un tempo, i fagioli dall'occhio erano molto consumati, ora sono quasi scomparsi dalle nostre tavole e vengono coltivati solo in alcune zone. Come i loro parenti borlotti , i fagioli dall'occhio sono molto ricchi di proteine (allo stato secco ne contengono circa il 23%), ma presentano anche importanti elementi minerali e molte vitamine. Inoltre, possiedono un'elevata quantità di fibre. Come per la maggior parte dei legumi è consigliato tenere in ammollo i fagioli dall'occhio per una notte, poi sciacquarli bene e cuocerli. Per renderli più digeribili, aggiungete all'acqua di cottura un pezzettino di alga kombu prima reidratata. Possono essere utilizzati in diverso modo, in zuppe di cereali e legumi, uniti a riso o pasta oppure come secondo alternativo alle proteine animali.